The Hurt Locker

Qualche altro minuto e l’ordigno sarebbe esploso, ma per fortuna erano già lì davanti due ottimi artificieri. Era un dispositivo classico, perfettamente tipico, quasi didattico, senza alcun fronzolo, senza alcuna trappola. Un zac al filo giusto (ed entrambi gli esperti sapevano quale) e tutti tranquilli a casa dalle proprie mogli e bambini.

– Perfetto, è una cosa banalissima. Mi serve solo un paio di forbici. Mi presteresti le tue?
– Come sarebbe che non hai portato le forbici? Ti contattano per venire a disinnescare un esplosivo e non porti con te un paio di forbicine?
– Le ho dimenticate a casa, mea culpa. Ma spero che la cosa si possa risolvere, non trovi?
– Col cazzo. E’ una cosa gravissima! Un artificiere dovrebbe sempre avere con sé le sue forbicine d’ordinanza. Io le mie non te le presto affatto, è scritto nel regolamento che non posso cederle a nessun altro.
– Nemmeno se ne va della tua vita?
– Nemmeno in quel caso.
– Quindi ora che facciamo? Scheggio una selce sinché non mi diventa affilata? Ma qui intorno è tutto tufo, così tenero che si taglia con un filo rosso. Ma cos’è? Gelosia? Vuoi mica occupartene tu? Per me va benissimo.
– Assolutamente no. Nel telegramma di chiamata il nome in cima è tuo, io sono al secondo posto. Come un banalissimo assistente, ed è quello che mi limiterò a fare.
– Appunto, assistimi.
– No, il mio compito è unicamente quello di segnalarti se stai sbagliando. Ed è esattamente quello che sto facendo, non hai portato con te le forbici e stai combinando un casino!
– Ma quante storie! Prestamele due secondi e abbiamo risolto!
– No! Se proprio vogliono che questo marchingegno non esploda ci spediscano un secondo telegramma di chiamata. Questa volta col mio nome in cima e il tuo al secondo posto come aiutante.
– Scherzi vero? Cazzo, sbrigati che il tempo sta quasi scadendo, dammi quelle cazzo di forbici. L’alternativa è cedere al ricatto di chi ha piazzato qui la dinamite.
– E mi sa che dovrete fare proprio così.

(continua alle 10.00 in streaming su Lacosa)

Annunci

One Response to The Hurt Locker

  1. Cri says:

    Tu sei un genio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: