Ego, te absolvo.

Io dico che il papa va scelto in maniera diversa da come lo scelgono adesso.
Questo papa qui il 27 maggio prega per le vittime del terremoto e il 28 c’è un terremoto ancor più grande.
Non lo so, secondo me non è capace. Sarà intelligente ma non si applica. Forse le preghiere non le sa o non se le ricorda bene. “Era Salve o Regina o Salvare Gina?” “Padre nostro o padre vostro?”
Forse dovrebbe iscriversi a un corso di preghiere, frequentare uno stage.
Oppure ha altro da fare e non ha il tempo di mettersi a pregare. Io se ero una guardia svizzera andavo a controllare se si metteva a pregare davvero o se ci prende solo in giro.
Oppure fa finta di pregare per vedere che succede. Forse sta lavorando all’enciclica “Experimentalis modus” in cui parla del metodo sperimentale applicato alle preghiere.
Oppure boh, pregare gli costa soldi. Forse noi non lo sappiamo ma bisogna fare una ricarica e lui è senza credito ma non vuole dirlo. Oppure quando prega dice cose dispettose e più si mette a pregare più Dio si incazza.

L’altro era bravo. L’altro curava gli altri dal Parkinson, impediva il ripetersi di terremoti in zone disastrate. L’altro si vedeva che aveva studiato bene le preghiere.
Anche se… il fatto che lui tremasse così tanto e non sapesse guarire se stesso mi fa pensare un’altra cosa. Che in realtà dietro di lui ci fosse Madre Teresa, che ora è santa perchè faceva i miracoli per bene. Io penso che il papa di prima usava l’auricolare come Ambra e che Madre Teresa gli diceva le cose che doveva fare come Boncompagni. Tant’è che poi dopo che è morta (facendo morire anche Lady Diana contemporaneamente, così i media non avrebbero avuto la lucidità e la concentrazione per trovare i microfoni nascosti), il papa polacco non ha fatto poi granchè. Pregava e pregava, ma peggiorava sempre di più il suo stato di salute. Aveva perso i suoi poteri. Però diciamo, quello lì era stato scelto bene. O comunque aveva assistenti bravi.

Quello che dico è che ora bisognerebbe usare un altro sistema per scegliere il Papa, che questo qui secondo me non è proprio bravo nel suo lavoro. Secondo me bisognerebbe fare una specie di campionati mondiali di preghiera, di miracoli, di benedizioni, tra vescovi e cardinali. E vedere chi vince. E quello diventa Papa.
Chessò, mettere a ciascuno di loro una bacinella d’acqua davanti e vedere dopo quanto tempo la trasformano in acqua santa. Io dico che Ratzinger non ci riesce nemmeno dopo la cerimonia di chiusura dei campionati.
Nella giuria ci metterei quelli di Pontifex, che quelli sanno sempre di chi è colpa quando succede qualcosa di brutto. Se c’è un uragano a Genova loro il giorno dopo hanno già pubblicato la foto della farfalla peccatrice con la scritta WANTED. Loro nella giuria capirebbero se uno ha pregato bene, se uno ha qualche colpa, se uno ha appena scopato fuori dal matrimonio, se uno ha appena detto una parolaccia. Loro sarebbero ideali nella giuria per scegliere il Papa più idoneo.
Però Ratzinger no.  Mi sembra un papa difettoso.

Anche perchè poi con lui la Chiesa è piena di scandali. E malgrado tutto questo Papa Benedetto XVI non ha rinunciato alla sua costosissima visita a Milano, a un passo dalle zone colpite dal terremoto.

A proposito, chi vuole può mandare il proprio contributo inviando un SMS al 45500 scrivendo “Ho fatto più del Papa”.

Per ospitarlo sono stati spesi 13 milioni di euro. Però dovrà versare i 5 euro di tassa di soggiorno come tutti gli altri.

La visita del Papa a Milano costa 13 milioni. Quindi per favore, ora basta con i terremoti.
Sono un lusso che non possiamo più permetterci.

Questi 13 milioni sono stati necessari anche per pagare un perfezionatissimo sistema di sicurezza, soprattutto parafulmini.

Il Papa sostiene che questo incontro è importante per i terremotati. Dice che verranno collaudate nuove preghiere.

In realtà secondo me i terremotati che vedono il Papa diranno “Evviva, ci ha portato il nostro otto per mille”.
Ma guardate bene: ha una mantellina nuova nuova. E non mi sembra una sottomarca.

Poi scopri che il Papa è il tipo di persona che quando la critichi sfoggia il meglio di sè e ti riempie di schiaffi morali. E’ vero che questo viaggio costerà 13 milioni di euro all’Italia, ma a chi sarà presente il Papa offrirà l’indulgenza plenaria.
Gratis!

Una gran figata l’indulgenza plenaria. Ho 24 ore di tempo per commettere il cazzo che voglio.

Intanto Paolo Gabriele chiede alle guardie “Posso uscire? Voglio andare a Milano”.

Che poi Dio è onnipotente e onnipresente. Ma per avere l’indulgenza plenaria devi stare proprio a Milano, e non ad esempio a Varese. Boh, si vede che a Milano le indulgenze prendono meglio.

Indulgenza Plenaria per chiunque parteciperà al Family Day. Persino per Ratzinger.

Indulgenza plenaria a chi sarà all’incontro col Papa. E un rosario laccato in oro alle prime dieci telefonate.

-Chiedo scusa, per le indulgenze?
-Laggiù, sotto quel cartello “Svendita promozionale”.

Annunci

3 Responses to Ego, te absolvo.

  1. Cri says:

    Ommioddiommioddio. E non è una preghiera.
    (Io sono stata un sacco di anni incastrata nel cattolicesimo militante. Ti assicuro che quello che hai scritto non è un testo satirico, è esattamente come si svolgono i fatti)

  2. giovanni di croce says:

    Minchia, che classe….

  3. MangiaBinari says:

    sei il capo, Fran

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: